[HUFFPOST] Fukushima Plant’s Contaminated Water Storage Running Out Of Space

About one month ago, Fukushima Diary warned newly built contaminated tank will be full by 2016. (cf. 89.2% of contaminated water tank is full. Newly extended tank will be full by 2016 too)

 

On 10/25/2012, HUFFPOST and AP reported about the contaminated water storage running out of space.

 

<Quote> [HUFFPOST]

TOKYO — Japan’s crippled nuclear power plant is struggling to find space to store tens of thousands of tons of highly contaminated water used to cool the broken reactors, the manager of the water treatment team said.

About 200,000 tons of radioactive water – enough to fill more than 50 Olympic-sized swimming pools – are being stored in hundreds of gigantic tanks built around the Fukushima Dai-ichi plant. Operator Tokyo Electric Power Co. has already chopped down trees to make room for more tanks and predicts the volume of water will more than triple within three years.

“It’s a pressing issue because our land is limited and we would eventually run out of storage space,” the water-treatment manager, Yuichi Okamura, told The Associated Press in an exclusive interview this week.

TEPCO is close to running a new treatment system that could make the water safe enough to release into the ocean. But in the meantime its tanks are filling up – mostly because leaks in reactor facilities are allowing ground water pour in.

Outside experts worry that if contaminated water is released, there will be lasting impact on the environment. And they fear that because of the reactor leaks and water flowing from one part of the plant to another, that may already be happening.

Nuclear engineer and college lecturer Masashi Goto said the contaminated water buildup poses a long-term health and environmental threat. He worries that the radioactive water in the basements may already be getting into the underground water system, where it could reach far beyond the plant, possibly the ocean or public water supplies.

“You never know where it’s leaking out and once it’s out you can never put it back in place,” he said. “It’s just outrageous and shows how big a disaster the accident is.”

The concerns are less severe than the nightmare scenario TEPCO faced in the weeks after the March 11, 2011, earthquake and tsunami knocked out power and cooling systems at the plant, leading to explosions and meltdowns of three reactor cores in the world’s worst nuclear disaster since Chernobyl. The plant released radiation into the surrounding air, soil and ocean and displaced more than 100,000 residents who are uncertain when – or if – they will be able to return to their homes.

Dumping massive amounts of water into the melting reactors was the only way to avoid an even bigger catastrophe.

Okamura remembers frantically trying to find a way to get water to spent fuel pools located on the highest floor of the 50-meter-high reactor buildings. Without water, the spent fuel likely would have overheated and melted, sending radioactive smoke for miles and affecting possibly millions of people.

“The water would keep evaporating, and the pools would have dried up if we had left them alone,” he said. “That would have been the end of it.”

Attempts to dump water from helicopters were ineffective. Spraying water from fire trucks into the pools didn’t work either. Okamura then helped bring in a huge, German-made concrete-making pump with a remote-controlled arm that was long enough to spray water into the fuel pools.

The plan worked – just in time, Okamura said.

Those measures and others helped bring the plant under tenuous control, but it will take decades to clean up the radioactive material. And those desperate steps created another huge headache for the utility: What to do with all that radioactive water that leaked out of the damaged reactors and collected in the basements of reactor buildings and nearby facilities.

Some of the water ran into the ocean, raising concerns about contamination of marine life and seafood. Waters within a 20-kilometer (12-mile) zone are still off-limits, and high levels of contamination have been found in seabed sediment and fish tested in the area.

Okamura was tasked with setting up a treatment system that would make the water clean enough for reuse as a coolant, and was also aimed at reducing health risks for workers and environmental damage.

At first, the utility shunted the tainted water into existing storage tanks near the reactors. Meanwhile, Okamura’s 55-member team scrambled to get a treatment unit up and running within three months of the accident – a project that would normally take about two years, he said.

“Accomplishing that was a miracle,” he said, adding that a cheer went up from his men when the first unit started working.

Using that equipment, TEPCO was able to circulate reprocessed water back into the reactor cores. But even though the reactors now are being cooled exclusively with recycled water, the volume of contaminated water is still increasing, mostly because ground water is seeping through cracks into the reactor and turbine basements.

Next month, Okamura’s group plans to flip the switch on new purifying equipment using Toshiba Corp. technology that is supposedly able to decontaminate the water by removing strontium and other nuclides, potentially below detectable levels, he said.

TEPCO claims the treated water from this new system is clean enough to be potentially released into the ocean, although it hasn’t said whether it would do that. Doing so would require the permission of authorities and local consent and would also likely trigger harsh criticism at home and abroad.

To deal with the excess tainted water, the utility has channeled it to more than 300 huge storage tanks placed around the plant. The utility has plans to install storage tanks for up to 700,000 tons – or about three more years’ worth – of contaminated water. If that maxes out, it could build additional space for roughly two more years’ worth of storage, said Mayumi Yoshida, a company spokeswoman.

But those forecasts hinge on plans to detect and plug holes in the damaged reactors to minimize leaks over the next two years. The utility also plans to take steps to keep ground water from seeping into the reactor basements.

Both are tasks that TEPCO is still not sure how to accomplish: Those areas remain so highly radioactive that it is unclear how humans or even robots could work there.

There’s also a risk the storage tanks and the jury-rigged pipe system connecting them could be damaged if the area is struck by another earthquake or tsunami.

Goto, the nuclear engineer, believes it will take far longer than TEPCO’s goal of two years to repair all the holes in the reactors. The plant also would have to deal with contaminated water until all the melted fuel and other debris is removed from the reactor – a process that will easily take more than a decade.

He said TEPCO’s roadmap for dealing with the problem is “wishful thinking.”

“The longer it takes, the more contaminated water they get,” he said.

<End>

 

 

_____

Italiano:

[HUFFPOST] Lo spazio di stoccaggio per l’acqua contaminata dell’impianto di Fukushima sta finendo

Circa un mese fa Fukushima Diary ha avvisato che le nuove cisterne saranno piene entro il 2016 (cf. 89.2% of contaminated water tank is full. Newly extended tank will be full by 2016 too)

Il 25/10/2012. l’HUFFPOST e l’AP hanno riportato che i contenitori d’acqua contaminata si riempiranno.

<Citazione> [HUFFPOST]

TOKYO – L’impianto di energia nucleare giapponese paralizzato sta cercando uno spazio per contenere decine di migliaia di tonnellate di acqua altamente contaminata usata per raffreddare i reattori rotti, ha detto il direttore del team di trattamento dell’acqua.
Circa 200.000 tonnellate di acqua radiattiva – abbastanza per riempire più di 50 piscine olimpioniche – sono immagazzinati in centinaia di giganti cisterne costruite intorno all’impianto di Fukushima Dai-ichi. la TEPCO ha già abbattuto degli alberi per fare spazio a nuove cisterne e prevede che il volume dell’acqua sarà più che triplicato in tre anni.
“E’ un problema serio perchè la nostra regione è limitata e potremmo esaurire lo spazio di contenimento” ha annunciato il direttore di trattamento dell’acqua, Tuichi Okamura, ad AD in un’esclusiva intervista questa settimana.
La TEPCO è vicina a lanciare un nuovo sistema di trattamento che potrebbe rendere l’acqua abbastanza sicura da essere rilasciata nell’oceano. Nello stesso tempo, però, i serbatoi si stanno riempiendo, soprattutto perchè falle nelle strutture del reattore stanno permettendo all’acqua del terreno di infiltrarsi.
Esperti esterni sono preoccupati che se l’acqua contaminata venisse rilasciata ci sarebbe un impatto duraturo sull’ambiente. E hanno paura che a causa delle falle del reattore con l’acqua che scorre da una parte all’altra dell’impianto questo stia già accadendo.
L’ingegnere nucleare e professore universitario Masashi Goto ha detto che gli incrementi di acqua contaminata costituiscono una minacca a lungo termine per la salute e per l’ambiente. E’ preoccupato che l’acqua radiattiva nelle fondamenta potrebbe già raggiungere il sistema fognario sotterraneo, dal quale potrebbe raggiungere le piante, ma anche l’oceano o l’acqua pubblica.
“Non sai mai da dove sta fuoriuscendo e una volta che è fuori non puoi più rimetterla al suo posto” ha detto. “E’ a dir poco atroce e dimostra quanto l’incidente costituisca un grande disastro”.
Le preoccupazioni sono meno severe rispetto allo scenario da incubo che ha affrontato la TEPCO nelle settimane dopo l’11 Marzo 2011, il terremoto e lo tsunami hanno messo fuori uso l’elettricità e il sistema di raffreddamento dell’impianto, portando a esplosioni e fusioni del nucleo di tre reattori nel peggior disastro nucleare dopo Chernobyl. L’impianto ha rilasciato radiazioni nell’aria circostante, nel suolo e nell’oceano, e mosso più di 100.000 residente che non sanno quando – o se – potranno tornare alle loro case.
Scaricare gradi masse d’acqua nei reattori in fusione era l’unico modo per evitare una catastrofe più grande.
Okamura ricorda freneticamente cercando di trovare un modo per prelevare l’acqua dalle piscine di combustibile usato poste all’ultimo piano dell’edificio alto 50 metri che ospita il reattore. Senza l’acqua il combustibile usato si sarebbe surriscaldato e fuso, mandando fumo radiattivo per miglia e interessando probabilmente milioni di persone.
“L’acqua avrebbe continuato ad evaporare e le piscine si sarebbero prosciugate se le avessimo lasciate a loro stesse” ha detto. “Sarebbe stata la fine”.
I tentativi di buttare acqua dagli elicotteri sono stati inutili. Spruzzare acqua dai camion dei pompieri nelle piscine non ha funzionato. Okamura allora ha aiutato portando una gigantesca pompa fabbricata in Germania con un braccio controllato a distanza che era lunga abbastanza per spingere l’acqua nelle piscine di carburante.
Il piano ha funzionato – appena in tempo, ha detto Okamura.
Quelle misure e altre hanno aiutato a rimettere sotto controllo l’impianto, ma ci vorranno decadi per ripulire i materiali radioattivi. E quei tentativi disperati hanno creato un altro enorme malditesta per l’utilità: Cosa fare con tutta quell’acqua radioattiva che è fuoriuscita dai reattori danneggiati e si è raccolta ai piedi del reattore e nella zona circostante.
Una parte dell’acqua è finita nell’oceano, aumentando le preoccupazioni sulla contaminazione della vita marina e dei frutti di mare. Le acque entro 20km (12 miglia) sono ancora off-limits e alti livelli di contaminazione sono stati trovati in sedimenti nei fondali marini e nei pesci testati nella zona.
Okamura è stato interrogato a proposito della creazione di un sistema di trattamento che renderebbe l’acqua abbastanza pulita per essere riutilizzata come raffreddante, mirato anche alla speranza di ridurre i rischi per la salute dei lavoratori e il danno ambientale.
Per prima cosa, l’utilità ha deviato l’acqua contaminata in esistenti serbatoi posti accanto al reattore. Nello stesso tempo, i 55 membri del team di Okamura hanno cercato un trattamento in appena tre mesi dall’incidente – un progetto che normalmente impiegherebbe circa 2 anni, ha detto.
“Realizzare ciò è stato un miracolo” ha detto, aggiungendo che un applauso è salito dai suoi uomini quando la prima unità ha iniziato a lavorare.
Usando quell’equipaggiamento la TEPCO è stata capace di far circolare l’acqua utilizzata nel nucleo del reattore. Ma anche se i reattori ora sono raffreddati esclusivamente con acqua riciclata, il volume dell’acqua contaminata è comunque in crescita, principalmente perchè l’acqua sotterranea passa attraverso le crepe all’interno del reattore e dei basamenti della turbina.
Il mese prossimo il gruppo di Okamura ha pianificato di capovolgere il pulsante nella nuova apparecchiatura di purificazione utilizzando la tecnologia della Toshiba corp. che dovrebbe essere in grado di decontaminare l’acqua rimuovendo lo stronzio e altri nuclidi, potenzialmente al di sotto dei livelli percepibili, ha detto.
la TEPCO ha dichiarato che l’acqua trattata con questo nuovo sistema è pulita abbastanza da essere potenzialmente rilasciata nell’oceano, anche se non ha detto se lo farebbe. Farlo richiederebbe il permesso delle autorità e il consenso locale e probabilmente scatenerebbe le critiche in casa e all’estero.
Per trattare con gli eccessi di acqua contaminata, l’utilità l’ha incanalata in più di 300 grandi serbatoi posti attorni all’impianto. L’utilità ha pianificato di intstallare serbatoi per oltre 700.000 tonnellate – circa altri tre anni di raccolta- di acqua contaminata. Se si esauriranno si potrà costruire un ulteriore spazio per contenere altri 2 anni di spazio, ha detto Mayumi Yoshida, una portavoce della compagnia.
Ma queste previsioni dipendono dai piani di trovare e chiudere i buchi nei reattori danneggiati per minimizzare le perdite per i prossimi due anni. L’utilità ha pianificato anche di progredire nell’impedire all’acqua sotterranea di raggiungere i basamenti del reattore.
Entrambi sono punti che la TEPCO non è ancora sicura di come realizzare: Quelle aree rimangono così altamente radioattive che non è chiaro come uomini o anche robot vi possano lavorare.
C’è anche il rischio che i serbatoi e il sistema di tubazioni di fortuna che li connette possa danneggiarsi se l’area verrà colpita da un altro terremoto o tsunami.
Goto, l’ingegnere nucleare, crede che ci vorranno molto più di due anni come crede la TEPCO per riparare tutti i buchi nei reattori. L’impianto inoltre dovrebbe avere a che fare con acqua contaminata fino a quando tutti i carburanti fusi e gli altri detriti saranno rimossi dal reattore – un processo che facilmente durerà più di una decade.
Ha detto che la mappa della TEPCO per trattare il problema sia un’utopia.
“Più a lungo ci mettono, più acqua contaminata otterranno” ha detto.
<Fine>

_____

Français :

[HUFFPOST] Le stockage des eaux contaminées de la centrale de Fukushima arrive à saturation

Il y a environ un mois, le Fukushima Diary a mis en garde sur le fait que le nouveau réservoir récemment construit arriverait à saturation courant 2016. (cf. 89,2% des réservoirs à eau contaminée sont pleins. Le dernier construit le sera aussi courant 2016 = http://fukushima-diary.com/2012/09/89-2-of-contaminated-water-tank-is-full-new-installation-will-be-caught-up-with-by-2016/)

Le 25 octobre 2012, le HUFFPOST et AP publient que le stockage des eaux contaminées arrive à saturation.

<Citation> [HUFFPOST]

*** Je ne traduis pas : trop long, pas le temps ***

<Fin>

 

Categories: Uncategorized

About Author